Vaccinazioni pediatriche: a che punto siamo?


Condividi su

Analisi delle coperture vaccinali in Italia (2000-2016)

È stata recentemente pubblicata, sulla rivista scientifica Annali dell'Istituto Superiore Di Sanità un'analisi (1) sull'andamento delle coperture vaccinali pediatriche in Italia negli ultimi 17 anni (2000-2016).

Lo studio, firmato dal Ministero della Salute e dalle Università di Parma e Vita-Salute San Raffaele prende in considerazione le vaccinazioni pediatriche obbligatorie e raccomandate, ne analizza i trend di copertura a livello nazionale e regionale e verifica se siano stati raggiunti gli obiettivi di copertura previsti dal PNPV.

Dall’analisi dei dati emerge come a livello nazionale nel 2016 per nessun vaccino si sia raggiunta la soglia del 95% di copertura vaccinale con valori dal 93% (epatite B) al 93.7%(tetano) per i vaccini contenuti nell’esavalente, inferiori all’ 88% per MPR e pneumococco e all’ 80% per Meningococco C. È stata descritta una situazione eterogenea nelle 21 Regioni italiane, con livelli di coperture ottimali (superiori al 95%) solo in poche realtà e trend complessivi in calo rispettivamente del 2.8% dal 2012 e del 3.6% dal 2010; salvo un lieve ma promettente rialzo tra il 2015 e il 2016.

In un momento di grande dibattito sulle questioni vaccinali, in cui paesi come l’Italia assieme ad altri Paesi europei si trova a dover fronteggiare il fenomeno dell’esitazione vaccinale, lo studio coordinato dal Prof. Carlo Signorelli aggiorna le analisi pubblicate in precedenza (2) e mette a disposizione della comunità scientifica internazionale i dati della realtà nazionale italiana, utili per la pianificazione, implementazione e valutazione di azioni efficaci per la promozione della cultura vaccinale.