Gastroenterite da Rotavirus


Condividi su

Il rotavirus è la causa più comune di gastroenterite (GE) pediatrica, in particolare nei neonati e nei bambini sotto i cinque anni. Si tratta di un virus diffuso ovunque nel mondo.

Il rotavirus è capace di aderire alle cellule dell’intestino tenue e di produrre una tossina che le distrugge; ne risulta un ostacolo all’assorbimento di acqua, con perdita di liquidi e di elettroliti. In assenza di anticorpi, basta una piccola quantità di virus per stabilire l’infezione, che nei neonati e nei bambini piccoli è in genere sintomatica e grave.

Vie di trasmissione

Il virus si trasmette per via oro-fecale: viene cioè rilasciato in elevate quantità attraverso le feci di un soggetto infetto e l’ingresso nell’organismo avviene attraverso l’ingestione di acqua o cibo contaminato. L’eliminazione del virus in molti bambini può durare fino a dieci giorni (in alcuni casi fino a due mesi) dopo l’insorgenza dell’infezione.
Poiché il virus è stabilmente presente nell’ambiente, in qualche caso la diffusione può verificarsi da persona a persona tramite le mani o il contatto con superfici contaminate, specie in comunità affollate (come asili nidi, case di riposo, ecc.). Nei luoghi di ristorazione, come le mense, può essere provocata da un operatore infetto che maneggia alimenti che non richiedono cottura, come frutta e verdura. Nel nostro Paese, il virus infetta soprattutto nel periodo invernale, tra novembre e marzo. L’aver già contratto l’infezione una volta non è sufficiente per dare un’immunità duratura; infezioni successive, tuttavia, tanto nell’infanzia quanto nell’età adulta, possono dare sintomi più leggeri.

Sintomi e complicanze

Nei bambini piccoli, la GE da rotavirus può provocare una grave forma di diarrea associata a disidratazione che richiede il ricovero in ospedale.
Una volta entrato nell’organismo, il virus impiega circa due giorni (incubazione) prima di dare i sintomi: febbre lieve-moderata (37,9°C o più grande), disturbi allo stomaco, vomito e diarrea acquosa. La febbre e il vomito compaiono per primi, e in genere iniziano a diminuire a partire dal secondo giorno; in seguito si presenta la diarrea, che può prolungarsi per circa una settimana. Complessivamente, la malattia dura in media 3-8 giorni.
Quando l’infezione si manifesta come una forma di diarrea blanda, la malattia guarisce da sola e senza conseguenze. Diverso è il caso in cui la diarrea causa grave disidratazione: nei neonati, infatti, può progredire rapidamente ed essere fatale, senza un adeguato trattamento medico di supporto. Sono riportati casi in cui il virus può diffondere al di fuori dell’intestino (rene, fegato, sistema nervoso).

Impatto sulla popolazione

Ogni anno, nel mondo, la GE da rotavirus causa circa mezzo milione di decessi sotto i 5 anni; di questi, l’80% circa si verificano nei Paesi in via di sviluppo. Negli Stati Uniti, contesto assimilabile a quello italiano, le morti associate a rotavirus colpiscono soprattutto i bambini tra 4 e 23 mesi d’età: allo stato attuale, tuttavia, si stima che la vaccinazione potrebbe prevenire 8 decessi su 10 , e ridurre la severità della malattia.

Oltre alla mortalità, un problema rilevante legato all’infezione da rotavirus è l’impatto sanitario. In Danimarca , oltre un terzo dei ricoveri da GE nei bambini sotto i 5 anni è causato da questo virus. Negli Stati Uniti6, ogni anno l’infezione è responsabile di 410 mila visite mediche, 250-250 mila accessi al pronto soccorso e 55-70 mila ricoveri, con costi che globalmente raggiungono il miliardo di dollari. L’impatto tocca anche le famiglie: uno studio condotto nel biennio 2004-2005 in sette paesi europei, tra cui l’Italia, ha mostrato come, nel 40-90 per cento dei casi, l’infezione costringa un genitore ad assentarsi da lavoro per accudire il bambino.

Le poche strategie per limitarne la diffusione del rotavirus comprendono le norme igieniche (lavarsi le mani con sapone o detergenti, ecc.) e l’allattamento al seno (tramite acquisizione di anticorpi materni). Poiché non esiste una terapia antivirale per l’infezione da rotavirus (e, ovviamente, trattandosi di virus, gli antibiotici non servono), il vaccino rimane l’unico vero metodo preventivo attualmente a disposizione; sono infatti gli anticorpi, la cui produzione viene stimolata dal vaccino, il principale meccanismo di protezione contro l’infezione virale.

La vaccinazione diventa quindi una strategia importante per combattere l’infezione. Un recente studio compiuto su oltre 175 mila pazienti, ha mostrato che il vaccino ha un’efficacia, nel ridurre la comparsa di GE nella popolazione infantile, di circa il 75% quando i bambini sono vaccinati a un anno. In Belgio , una ricerca ha inoltre mostrato come, nei bambini da 2 a 24 mesi, la percentuale di infezioni da rotavirus sia diminuita di due terzi dopo il primo anno dall’introduzione del vaccino; la quota dei ricoveri per GE, invece, si è ridotta di un terzo. Negli Stati Uniti , nel periodo precedente all’introduzione del vaccino (2000-2006), si verificavano circa 100 ricoveri ogni 10 mila bambini, durante la stagione di attività del virus; grazie alla vaccinazione si è passati a 85 (nel 2007) e 55 (nel 2008) ricoveri ogni 10 mila bambini sotto i cinque anni. In Germania , secondo uno studio condotto sul biennio 2010-11, il vaccino si è mostrato efficace nel prevenire l’accesso all’ospedale: i soggetti vaccinati, ad esempio, venivano ricoverati solo nel 23% dei casi, contro il 61% dei soggetti non vaccinati.