Morbillo: una malattia pericolosa


Condividi su

A 20 anni dalla morte della figlia Olivia, provocata dal morbillo, lo scrittore Roald Dahl scrive una lettera pubblica e definisce “quasi un crimine” non vaccinare i propri figli contro la malattia.

Olivia, mia figlia maggiore, si ammalò di morbillo quando aveva sette anni. Mentre la malattia faceva normalmente il suo corso, ricordo che le leggevo delle storie seduto al suo capezzale, e non mi sentivo particolarmente preoccupato. Poi, una mattina, quando sembrava ormai in via guarigione, ero seduto sul suo letto, intento a mostrarle come fabbricare piccoli animaletti con degli scovolini colorati. Quando venne il suo turno, era come se le sue dita rifiutassero di rispondere ai comandi del suo cervello; non riusciva a muoversi.

«Ti senti bene?» le chiesi.

«Ho molto sonno» rispose.

Un’ora dopo perse coscienza. Dodici ore dopo era morta.

Olivia Dahl, pochi mesi prima della malattia

Il morbillo si era complicato in una terribile condizione chiamata “encefalite”; i medici non poterono fare nulla per salvarla. Era il 1962; ormai sono trascorsi ventiquattro anni. Ma, ancora oggi, se un bambino malato di morbillo sviluppasse la stessa complicanza mortale che colpì Olivia, non ci sarebbe comunque nulla da fare.

Tuttavia, al contrario di allora, i genitori possono impedire che una simile tragedia accada ai propri figli. Possono insistere affinché vengano vaccinati contro il morbillo. Per Olivia non fu possibile, poiché nel 1962 non era stato ancora scoperto un vaccino affidabile. Oggi, per ogni famiglia, è disponibile un vaccino efficace e sicuro; tutto ciò che dovete fare è chiederlo al vostro medico.

Sono in pochi a credere che il morbillo possa essere una malattia pericolosa. Credetemi, lo è. È mia convinzione che i genitori che rifiutano la vaccinazione mettano a rischio le vite dei propri figli. In America, dove il vaccino contro il morbillo è obbligatorio, questo virus, così come quello del vaiolo, è stato virtualmente eradicato.

Qui, in Gran Bretagna, a causa dell’opposizione di molti genitori – talvolta per testardaggine, talvolta per ignoranza; o ancora, per paura ‒ ogni anno si verificano centinaia di migliaia di casi di morbillo. Tra i bambini colpiti, più di 10 mila manifesteranno delle complicanze. Almeno 10 mila bambini svilupperanno otiti o polmoniti. Di questi, venti moriranno.

Rifletteteci attentamente.

Ogni anno, in Gran Bretagna, 20 bambini moriranno a causa del morbillo.

E invece, quali sono i rischi della vaccinazione?

Sono quasi inesistenti. Prestate bene attenzione. In un distretto di circa 300 mila abitanti, solo un bambino ogni 250 anni svilupperà gravi effetti collaterali a causa del vaccino contro il morbillo! Ovvero, una possibilità su un milione. Questo significa che è più probabile che vostro figlio muoia soffocato da una barretta di cioccolato, piuttosto che possa ammalarsi gravemente a causa del vaccino contro il morbillo.

Allora, di cosa accidenti vi state preoccupando? È quasi un crimine permettere che vostro figlio non venga vaccinato.

L’età ideale per la vaccinazione è di 13 mesi, ma non è mai troppo tardi.

Tutti i bambini che vanno a scuola che non siano ancora stati vaccinati per il morbillo, dovrebbero chiedere ai propri genitori di rimediare il prima possibile.

Ho dedicato a mia figlia Olivia due dei miei libri. Il primo si intitola “James e la pesca gigante; l’ho scritto quando lei era ancora viva. Il secondo è “Il GGG, ed è dedicato alla sua memoria, dopo la sua morte a causa del morbillo. Troverete il suo nome, all'inizio di ciascuno di questi due libri.

So per certo che Olivia sarebbe felice di sapere che la sua morte ha permesso di evitare un gran numero di malati e di morti tra gli altri bambini.

Nella foto, Roald Dahl in compagnia della moglie, l’attrice Americana Patricia Neal, delle due figlie Olivia (sulla destra) e Tessa, e del piccolo Theo, appena nato. Olivia morì dopo aver contratto il morbillo, nel 1962.

Roald Dahl è un popolare scrittore per bambini, noto per aver scritto “Charlie e la fabbrica di cioccolato”, che ha ispirato due famosi adattamenti cinematografici. La figlia maggiore di Dahl, Olivia, muore di morbillo nel 1962, pochi anni prima della scoperta del vaccino. Il testo originale della lettera si trova qui.