L’Africa è sulla soglia dello stato polio-free

“Gli ultimi 30 anni ci hanno portato vicini allo stato polio-free” È quanto affermato dal Dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore generale dell’OMS durante la presentazione del nuovo piano per l’eradicazione della polio (Polio Endgame Strategy 2019-2023) presentato durante la 72esima assemblea mondiale dell’OMS tenutasi il 21 Maggio 2019 a Ginevra.

Quattro delle sei Regioni OMS sono già state certificate libere dalla polio (Pacifico occidentale, Sud-est Asiatico, Europa e Americhe)

Nella Regione Africana gli ultimi casi di poliovirus selvaggio (WPV) sono stati riportati in Nigeria nel 2016 e la African Regional Certification Commission (RCC) ha delineato gli interventi principali e le azioni per assicurare la certificazione di eradicazione del WPV in modo tempestivo.

Lo scoglio più grande è la presenza di un sistema di sorveglianza solido e ciò è spesso inficiato da instabilità politico-economica, infrastrutture deboli, capacità tecniche limitate o gruppi di persone isolate senza possibilità di accesso al vaccino. L’OMS attraverso la Global Polio Eradication Initiative si ripropone di portare il proprio aiuto tecnico in queste regioni e fornire alla RCC analisi regolari sull’epidemiologia e la solidità e qualità dei sistemi di sorveglianza.

L’altra Regione OMS non certificata è quella del Mediterraneo Orientale dove ancora nel 2019 sono stati riportati casi di WPV (in particolare Pakistan e Afghanistan) e per la quale gli obiettivi da raggiungere sono innanzitutto l’eradicazione del WPV e l’integrazione dei sistemi sanitari regionali e mondiali, e successivamente il conseguimento della certificazione dell’eradicazione.

Ulteriore passaggio per eradicare la polio sarà il passaggio dal vaccino vivo attenuato orale (OPV) al vaccino inattivato (IPV) con l’obiettivo di eliminare la circolazione del virus derivato.