Repubblica Democratica del Congo: oltre 6000 morti a causa del morbillo.

L’OMS lancia un appello di raccolta fondi.

Il bilancio delle vittime della peggiore epidemia di morbillo del mondo nella Repubblica Democratica del Congo (RDC) ha superato i 6000 morti. L’Organizzazione Mondiale della Salute (OMS) ha lanciato un appello ai partner donatori con la richiesta di maggiori finanziamenti per fermare l'epidemia.

“Stiamo facendo del nostro meglio per tenere sotto controllo questa epidemia” - ha dichiarato il dottor Matshidiso Moeti, Direttore regionale dell’OMS per l’Africa - “ tuttavia, per avere veramente successo, dobbiamo garantire che nessun bambino affronti l'inutile rischio di morte per una malattia facilmente prevenibile con un vaccino”.

Dall'inizio del 2019 nella Repubblica Democratica del Congo sono stati segnalati circa 310.000 casi sospetti di morbillo. L'epidemia è stata aggravata dalla scarsa copertura vaccinale nelle comunità vulnerabili e da altri fattori come la malnutrizione, l'insorgenza di altre malattie epidemiche e dal difficile accesso delle popolazioni vulnerabili all'assistenza sanitaria. La mancanza di fondi rimane un enorme ostacolo per contenere con successo l'epidemia. Finora sono stati mobilitati 27,6 milioni di dollari ma sono necessari altri 40 milioni di dollari per un piano di sei mesi per estendere la vaccinazione ai bambini tra i sei e i 14 anni e per rafforzare gli elementi della risposta all'epidemia oltre la vaccinazione, tra cui il miglioramento del trattamento, l'educazione sanitaria, l'impegno della comunità, il rafforzamento del sistema sanitario, la sorveglianza epidemiologica e il coordinamento della risposta