Tunisia: 2162 casi e 30 morti causati dal morbillo nei primi 4 mesi del 2019

Dall’inizio del 2019 la Tunisia ha assistito ad una vasta epidemia di morbillo, cui ha risposto con isolamento dei casi e avviando una campagna di vaccinazione di tutti i bambini tra i 6 e gli 11 mesi d’età e del personale sanitario.

Il Ministero della Salute ha recentemente diffuso un comunicato sull'epidemia di morbillo in corso in Tunisia: nei primi mesi del 2019 si sono registrati 2162 casi e 30 morti correlati.

Con 1274 casi, il governatorato più colpito è stato quello di Kasserine, al confine con l’Algeria, dove da mesi sono in corso rivolte iniziate a causa della quinta ricandidatura del Presidente Bouteflika. Altri governatorati colpiti sono situati sulla costa: Sfax (212 casi), Tunis (116), Sousse (93) e Nabeul (69). E infine nel governatorato Kairouan che è situato nell’entroterra tra Kasserine e Sfax si sono verificati 155 casi.

Ad essere colpiti sono state soprattutto persone oltre i 15 anni e i bambini tra i 6 e i 12 mesi. Dal 2013 la Tunisia ha modificato la strategia vaccinale effettuando la vaccinazione non più al 9° mese di età ma al 12°. I decessi si sono verificati in bambini e adulti a partire dai 15 giorni di vita fino ai 41 anni, con una mediana di 7,5 mesi di età.

Nonostante l’aumento del numero di casi di morbillo, il rischio a livello nazionale viene considerato ancora moderato. Il governo ha infatti risposto immediatamente avviando la vaccinazione di tutti i bambini d’età 6-11 mesi, a livello nazionale; inoltre, dal 2012, sono presenti alti livelli di copertura vaccinale per la seconda dose di morbillo (>95%) e ciò dovrebbe aiutare a proteggere molte coorti di nati dalla malattia.


Leggi la circolare del Ministero della Salute

Tunisia. Governatorati interessati dall'epidemia di morbillo.

Tunisia. Governatorati interessati dall'epidemia di morbillo.

Distribuzione dei casi di morbillo in relazione al cambiamento di strategia vaccinale. Tunisia, 1993-2019

Distribuzione dei casi di morbillo in relazione al cambiamento di strategia vaccinale. Tunisia, 1993-2019